PRIDE

(Regia: Matthew Warchus, 2014, con Imelda Staunton, Paddy Considine, Dominic West)

PRIDE

Minatori britannici e movimento gay a braccetto durante lo storico sciopero del 1984, in piena era Thatcher, sono al centro di una commedia grondante impegno civile, che vorrebbe essere un affresco sociale pulsante sulla tolleranza rappresentata dall’incontro tra due mondi (apparentemente) distanti anni luce. Cinema “democratico” della peggior specie che fa tanto contento il pubblico medio delle sale d’essai. Dimenticabilissimo. (fc)

voto_1