CLORO

(Regia: Lamberto Sanfelice, 2015, con Sara Serraiocco, Piera Degli Esposti, Giorgio Colangeli, Ivan Franek)

CLORO

Dopo la morte della madre e il crollo nervoso del padre che perde il lavoro, il fratellino e l’abulico genitore sono tutti sulle spalle della diciassettenne Jenny, promessa del nuoto sincronizzato. Costretta a trovarsi un lavoro e impossibilitata a continuare gli allenamenti, fa di tutto per non rinunciare alla speranza di una medaglia ai campionati italiani. L’opera d’esordio di Lamberto Sanfelice, passata al Sundance e a Berlino, non è esente da qualche ingenuità di scrittura e da alcuni discutibili preziosismi, che ne riducono la portata come cinema di impegno. Ma possiede una discreta vitalità grazie soprattutto al lavoro dell’ottima protagonista, l’emergente Sara Serraiocco, già vista in Salvo, praticamente sempre in scena e capace di esprimere in modo convincente la rabbia e la testardaggine di un’adolescente che non vuole fare a meno di vivere per i suoi sogni. (dz)

voto_3