IL PADRE

(Regia: Fatih Akin, 2014, con Tahar Rahim, Simon Abkarian, Makram Khouri, Arsinée Khanjian)

IL PADRE

Dopo Ararat di Atom Egoyan, un nuovo film che ha al centro il genocidio degli armeni nell’Impero Ottomano nel 1915. Presentato in Concorso (e ampiamente spernacchiato) alla Mostra di Venezia dello scorso settembre, il film di Akin vorrebbe indignare, ma soprattutto commuovere. Ma la vicenda del padre che perde la favella e va cercando le figlie per il mondo, ritrovandone infine una in America, è soprattutto un banale melodramma di scarsa ispirazione, che si adagia nei luoghi comuni e lascia l’impressione di una gigantesca occasione mancata, quando non scivola purtroppo nel ridicolo involontario. Davvero difficile salvarne qualcosa. (dz)

voto_1