SHORT SKIN

(Regia: Duccio Chiarini, 2014, con Matteo Creatini, Francesca Agostini, Nicola Nocchi, Miriana Raschillà)

SHORT SKIN

I dolori del giovane Edoardo non sono solo morali, ma anche strettamente sessuali. Perdere la verginità non è infatti affare semplice se, alla naturale timidezza, si aggiunge una fastidiosa fimosi al pene che gli impedisce persino la masturbazione. Esordio realizzato nell’ambito del progetto Biennale College, Short Skin segue i suoi giovani protagonisti nelle loro piccole (dis)avventure cercando di smorzare i toni da commedia per sostituirli con uno sguardo affettuoso e dolcemente malinconico, pur conservando alcuni luoghi canonici di film come American Pie e simili (dalla visita della prostituta alle prove di deflorazione con mezzi di fortuna). Ma la scrittura del film lascia alquanto a desiderare, e malgrado la buona volontà degli attori in diverse situazioni pare di assistere a una sitcom – si veda la sgangherata famiglia del protagonista. Impalpabile. (dz)

voto_2