LOUISIANA – THE OTHER SIDE

(Regia: Roberto Minervini, 2015, con Mark Kelley, Lisa Allen, James Lee Miller)

LOUISIANA – THE OTHER SIDE

Uomini e donne in Louisiana, le loro vite di dropout, la loro disperazione individuale, il risentimento verso Obama, le contraddizioni di un Grande Paese come gli USA. Dopo il buon Stop the Pounding Heart, il marchigiano-americano Minervini continua a far recitare le loro vite ai suoi “personaggi” (le virgolette sono d’obbligo), nel tentativo di reinventare lo sguardo e di, per così dire, svuotare gli stereotipi destituendoli di significato. Gli riesce meno bene che nel film precedente, e non sa essere sempre sorvegliato nel suo cliché stilistico, succube in questo caso anche di una certa frammentarietà. Ma il documento è pur sempre significativo e non mancano intense tranches de vie che ricompensano lo spettatore, strette come sono tra una veemenza impossibile da arginare e una disillusione che sfiora l’implosione. Louisiana – The Other Side è un passo indietro per il regista, ma non un passo del tutto falso. Presentato nella sezione Un Certain Regard a Cannes. (dz)

voto_3