PERFECT DAY

(Regia: Fernando León de Aranoa, 2015, con Benicio del Toro, Tim Robbins, Olga Kurylenko, Mélanie Thierry)

PERFECT DAY

Bonificare un pozzo di campagna sembra un’operazione non troppo complicata, tranne forse nel caso in cui ci si trovi al termine del conflitto che ha di fatto disgregato la ex Jugoslavia, non si disponga di una corda e l’agente contaminante sia il cadavere di un obeso. Semplice la storia: obiettivo, ostacoli, peripezie e fine. Non complesso il discorso: la quotidianità di un manipolo di eroi che sono sempre pronti a stare dalla parte giusta anche quando, ormai liberi (o quasi) dalla barbarie della guerra, arriva la schiavitù dell’ottusa burocrazia. In mezzo le risate, i momenti drammatici, le tensioni sentimentali e sessuali, il nomadismo da preferire a un radicato e monotono stile di vita occidentale e una spigliata colonna sonora (punk soprattutto) che non faranno di Perfect Day un esempio di raffinatezza filmica, ma regalano attimi piacevoli, così come sanno regalarseli quegli avventurieri scalcinati che in mezzo a tutto quel sudiciume riescono, in fondo, a guadagnarsi sempre la nostra ammirazione. (mc)

voto_3