ASSOLO

(Regia: Laura Morante, 2016, con Laura Morante, Piera Degli Esposti, Marco Giallini, Angela Finocchiaro, Carolina Crescentini, Francesco Pannofino)

ASSOLO

Reduce da due matrimoni falliti, Flavia è insicura e complessata; per venire a capo delle sue ansie, si rivolge a una psicanalista e insieme a lei cerca di andare al fondo dei suoi mali. Il secondo film da regista di Laura Morante dopo Ciliegine (2012) punta dichiaratamente a far sorridere con leggerezza e cerca di tenere assieme molti registri: grottesco, surreale, comico e drammatico. Aspirerebbe a una levità di marca francese, ma rischia di continuo di soffocare tra malcelato narcisismo (l’invadentissima voice over) e banalità assortite (la protagonista che legge manuali sulla masturbazione). E se l’ironia a tratti fa capolino e funziona, i primi 20 minuti (con la gag dell’ocqua) sono agghiaccianti e fanno temere il peggio. Che fortunatamente viene evitato, ma questo non basta a salvare il film. (dz)

voto_2