LA BATTAGLIA DEGLI IMPERI – DRAGON BLADE

(Regia: Daniel Lee, 2015, con Jackie Chan, John Cusack, Adrien Brody, Peng Lin)

LA BATTAGLIA DEGLI IMPERI – DRAGON BLADE

Se i film americani occhieggiano golosamente al vasto mercato cinese ormai da diversi anni, la Cina stessa cerca compromessi produttivi che le permettano di rivolgersi a una platea il più possibile globale, muovendo risorse ingenti sul piano finanziario (65 milioni di dollari per Dragon Blade) e affiancando a Jackie Chan, che rimane una delle sue star più riconosciute a livello internazionale, volti noti di attori americani, invero non proprio di primissima scelta (Cusack nei panni del buono e Brody nei panni del cattivo). Il risultato è il goffissimo Dragon Blade, inerte e pasticciato kolossal pseudostorico in cui una legione di antichi Romani si batte fianco a fianco con i protettori della Via della seta contro le armate del malvagio Tiberio. Il pacifismo è risibile, la trama ha buchi non indifferenti e quel che è peggio tutti sembrano prendersi assai sul serio nel tentativo di dare un tono epico all’insieme. E malgrado i tanti soldi spesi, le battaglie fanno rimpiangere ad ogni momento Alexander di Oliver Stone. A inizio carriera Daniel Lee aveva fatto sperare molto meglio con What Price Survival e Black Mask, ma quei tempi sono ormai lontanissimi. La versione cinese è più lunga, con un prologo e un epilogo dal taglio archeologico-fantascientifico. (dz)

voto_1