SMETTO QUANDO VOGLIO – MASTERCLASS

(Regia: Sydney Sibilia, 2017, con Edoardo Leo, Valerio Aprea, Stefano Fresi, Libero De Rienzo, Greta Scarano, Pietro Sermonti)

SMETTO QUANDO VOGLIO – MASTERCLASS

A tre anni dal clamoroso successo del primo film, torna la scalcinata banda dei ricercatori. La grana della comicità è quella che è e non si sfugge al concept Breaking Bad in salsa I soliti ignoti (con tanto di citazione del Gassman pugile ridicolo che va giù al primo cazzotto), ma questa volta si alza un po’ il tiro. La trama è molto più strutturata, quasi intricata viene da dire, ha spessore un personaggio femminile (Greta Scarano) che abbassa un po’ il livello testosteronico (si fa per dire) e tra sequenze mirabolanti, parti animate e aggiornamenti d’una facile Italia contemporanea, tra fughe dei cervelli e terrorismo, si giunge a una maggiore consapevolezza rispetto al primo capitolo. Per cui i poteri forti sono sempre in grado di mettercelo in quel posto e allora è forse “più divertente fare del male piuttosto che del bene”, specie se quest’ultimo significa un’esistenza scialba e avida di prospettive e azione. Finale inaspettato con tanto di teaser che annuncia un seguito e un super cattivo dalle forti motivazioni (Luigi Lo Cascio), che danno al film il sapore dell’episodio di transizione d’una probabile trilogia. (mc)

voto_3