UNDERWORLD: BLOOD WARS

(Regia: Anna Foerster, 2016, con Kate Beckinsale, Theo James, Lara Pulver, Tobias Menzies, Charles Dance)

UNDERWORLD: BLOOD WARS

La guerra nascosta tra vampiri e licantropi continua senza esclusione di colpi, anche ora che Eve, la figlia di Selene, è scomparsa e i Lycan la cercano per creare una nuova razza dominatrice con il suo sangue. Come d’abitudine per la serie (definirla “saga” sarebbe davvero troppo), le spiegazioni e i riepiloghi di quanto accaduto abbondano, unitamente ai flash che dovrebbero essere chiarificatori e non sempre lo sono. Purtroppo i molti intrighi, i continui cambi di location da moderno a medievale come dalla città alle lande più impervie, la disinvoltura con cui si passa da un’alleanza ad un’altra e dai fucili mitragliatori alle armi bianche, vanno tutti a discapito dell’interesse delle vicende raccontate. E se gli antagonisti Semira (Lara Pulver) e Marius (Tobias Menzies) hanno del potenziale (peraltro largamente sprecato), è anche perché i belli e impossibili Beckinsale e James sembrano quasi sempre privi di appeal. A giudicare dall’ultima scena, non è detto che sia finita qui. (dz)

voto_1