Sign In

Lost Password

Sign In

Matteo Catalani

Matteo Catalani

Il cinema l’ha sempre accompagnato (ricorda ancora i pomeriggi passati davanti ai DVD dello zio in compagnia di Terrence Malick e Michael Mann, per poi scoprire come tenere la penna in mano grazie a Glengarry Glen Ross e ai film di Wilder) dirottandolo verso un’(in)felice carriera umanistica a discapito di un futuro scientifico già per lui preconfezionato. Ama lo storytelling in tutte le sue forme, che cerca di far sue con abnorme fatica. In attesa di svegliarsi un giorno avendo già nel cassetto un esordio alla Zadie Smith, o di venir selezionato come point guard titolare dai Portland Trail Blazers, trascorre i suoi indolenti pomeriggi guardando film e tentando di mettere ordine nei suoi pensieri (e nella sua vita). Con “Il Bel Cinema” è alla sua prima esperienza in un sito specializzato.

SMETTO QUANDO VOGLIO – MASTERCLASS

SMETTO QUANDO VOGLIO – MASTERCLASS

A tre anni dal clamoroso successo del primo film, torna la scalcinata banda dei ricercatori. La grana della comicità è quella che è e non si sfugge al concept Breaking Bad in salsa I soliti ignoti (con tanto di citazione del Gassman pugile ridicolo che va giù al primo cazzotto), ma questa volta si alza un po’ il tiro. La trama è molto più strutturata, quasi intricata viene da dire, ha spessore un ...

ALPS

ALPS

A quattro anni dalla premiere (e un premio) alla Mostra di Venezia e dopo il discreto successo di The Lobster, arriva in Italia (si fa per dire, vista l’esigua distribuzione) un’altra opera di Yorgos Lanthimos. E lo stile del regista permane. Situazioni inspiegabilmente paradossali, recitazione abulica e umorismo acido e al tempo stesso violento, mettono in scena i membri di una strampalata banda ...

NON C’È PIÙ  RELIGIONE

NON C’È PIÙ RELIGIONE

Dopo aver spolpato la dicotomia settentrione-meridione di ogni sua situazione potenzialmente e minimamente comica con il dittico Benvenuti al sud e Benvenuti al nord, Luca Miniero non cambia registro, ma stavolta se la vede con la religione. Tra riprese turistiche mozzafiato di un’immaginaria isola pugliese che ricorda tanto la ormai famigerata Lampedusa e stereotipi vari, gli ingredienti di quest...

LA  FESTA PRIMA DELLE FESTE

LA FESTA PRIMA DELLE FESTE

Film “festaiolo” come tanti, ennesimo epigono del filone inaugurato da Porky’s e Animal House, con in più una spruzzata del buonismo da prodotto natalizio che tanto piace a Hollywood. Festa come filosofia di vita, si diceva: le azioni più stupide e scatologia varia tirano fuori la parte migliore dell’individuo e hanno la meglio sul capitalismo e le gelosie familiari e consentono di rit...

LA CENA DI NATALE

LA CENA DI NATALE

Dopo il successo di Io che amo solo te, un sequel pedissequo che riprende tutte le situazioni del precedente: gli sposi (Scamarcio sempre più bietolone, e Chiatti, la seconda realmente incinta e con un ruolo minore) questa volta alle prese con la gravidanza, gli eterni amanti (Placido e Calzone) che sono ancora tali e una cena di Natale al posto di una cerimonia nuziale. Tutto secondo copione, ma ...

GENIUS

GENIUS

Un affresco d’epoca patinato e illustrativo per raccontare il sodalizio professionale e l’amicizia tra l’eccentrico scrittore Thomas Wolfe (Jude Law) e il suo editor Max Perkins (Colin Firth), scopritore di Fitzgerald e Hemingway tra gli altri. Il titolo allude alla parte che i lettori forti apprezzeranno di più: un discorso sull’autorialità e la genialità, la cui attribuzione incerta è da spartir...

LA RAGAZZA DEL TRENO

LA RAGAZZA DEL TRENO

La storia di tre donne, Rachel, Megan e Anna (rispettivamente Blunt, Bennet e Ferguson) alle prese con fantasmi presenti e passati, alcolismo e relazioni extraconiugali. Non si tratta però di una commedia su quelle ex mogli un po’ incattivite che si ributtano nel vortice della vita sui trampoli della solidarietà femminile, bensì del torbido adattamento da cronaca nera del best seller omonimo scrit...

IN GUERRA PER AMORE

IN GUERRA PER AMORE

A tre anni di distanza dall’esordio La mafia uccide solo d’estate, Pierfrancesco “Pif” Diliberto rimette ancora in scena una fenomenologia della sicilianità attraverso la sua manifestazione più lampante, almeno agli occhi di tutto il mondo, ovvero la mafia. Lo scopo è didattico e di denuncia – questa volta ci si scaglia contro l’esercito alleato guidato dagli americani, che avrebbe permesso una re...

PIUMA

PIUMA

Una nuova vita in arrivo, due futuri genitori adolescenti (Luigi Fedele e Blu Yoshimi), padri più immaturi dei figli e un’adozione in vista (?) sono gli ingredienti piuttosto esili di Piuma, terzo lungometraggio di Roan Johnson. Presentato non senza polemiche all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, non perché sia una commedia ma per l’eccessiva levità, il film ha dalla sua una regia non anonima e...

QUALCOSA DI NUOVO

QUALCOSA DI NUOVO

Questo nuovo film targato Cristina Comencini parte come la più classica commedia degli equivoci, nella quale Lucia (Paola Cortellesi), bacchettona un po’ repressa e Maria (Micaela Ramazzotti), madre divorziata fragile e sessualmente disinibita, si scambiano senza volerlo l’identità agli occhi di Luca (Eduardo Valdarnini), forse più di un toy boy, e finisce per essere l’apologo di un po’ di tutto, ...

LA VERITÀ STA IN CIELO

LA VERITÀ STA IN CIELO

La mancanza di introspezione dei personaggi non è necessariamente sinonimo di scarsa qualità in un’opera di fiction, ma il (grosso) problema di un film come questo è che gli manca anche tutto il resto. Nel guazzabuglio di informazioni tutt’altro che di precisione entomologica buttate lì per lo spettatore, risaltano in peggio una regia da sceneggiato televisivo ai limiti della sciatteria (in almeno...

IL SOGNO DI FRANCESCO

IL SOGNO DI FRANCESCO

L’attacco con Francesco (Elio Germano, sempre una certezza ma risente un po’ dell’autodoppiaggio dal francese) estatico tra gli uccellini fa temere il peggio, che però non arriva. Invece d’una trita agiografia sulla santità, il film della coppia Fély-Louvet segue delicatamente le mosse di Elia da Cortona (Jérémie Renier, ottimo): il più altruista e illuminato dei seguaci di Francesco, ma anche il ...

LA VITA POSSIBILE

LA VITA POSSIBILE

Dopo l’ennesimo abuso da parte del marito, Anna (Margherita Buy) lascia Roma con il figlio adolescente Valerio (Andrea Pittorino) per andare ad abitare da una sua vecchia amica, Carla (Valeria Golino), attrice a Torino. L’ambizione della normalità e la non condanna definitiva della violenza di chi in qualche modo ama, almeno a suo dire, sono ben messi in scena da De Matteo attraverso dialoghi asci...

QUESTI GIORNI

QUESTI GIORNI

Quattro amiche alle prese con gravidanze, malattie, fidanzati sbagliati, partono per un viaggio con destinazione Belgrado, dove la più inquieta ha trovato lavoro come cameriera. Dopo Il rosso e il blu Giuseppe Piccioni ritorna col suo cinema fatto di problematiche non solo giovanili, citazioni colte e una verità esistenziale da scoprire attraverso una ricerca senza centro di gravità. L’ambizione d...

L’ESTATE ADDOSSO

L’ESTATE ADDOSSO

Gabriele Muccino dopo Baciami ancora torna a una produzione nostrana, ma dal sapore decisamente americano. Risultato: una quasi parodia delle velleità esistenziali (quanto mai banali) del Muccino presbarco a Hollywood, con due giovani (Brando Pacitto e Matilda Lutz) che prima si odiano e poi (forse) si amano, alle prese con un viaggio negli USA all’insegna dell’American Dream che ancora affascina ...

TOMMASO

TOMMASO

Molti passi indietro per Kim Rossi Stuart rispetto al buon esordio di Anche libero va bene con questo Tommaso: una “roba” piuttosto irritante che vuole fregiarsi del titolo di profonda riflessione sul rapporto tra fanciullezza ed età adulta, ma che non si stacca mai dall’accozzaglia di situazioni macchiettistiche. Sì, perché le fin troppo petulanti idiosincrasie dell’attore al centro del film (lo ...

INDEPENDENCE DAY: RIGENERAZIONE

INDEPENDENCE DAY: RIGENERAZIONE

A 20 anni esatti dall’attacco alieno che rischiò di spazzare via il pianeta Terra, l’umanità sperimenta un periodo di pace e prosperità senza precedenti, frutto dell’acquisita tecnologia extraterrestre. Ma i nemici sono tornati, ancora più agguerriti. Questo sequel sempre firmato Emmerich non brilla certo in originalità: ricalca la struttura del primo episodio, così come il suo immaginario di nave...

TOM À LA FERME

TOM À LA FERME

Appare come un oggetto strano questo Tom à la ferme all’interno della filmografia dell’enfant prodige Xavier Dolan. In questo suo quarto lungometraggio, presentato tre anni fa alla Mostra del Cinema di Venezia, c’è prima Tom (Dolan stesso) che rende visita alla famiglia del suo compagno recentemente scomparso, poi Tom che viene costretto dal fratello di quest’ultimo a una farsa per nasconderne l’o...

NOW YOU SEE ME 2 – I MAGHI DEL CRIMINE

NOW YOU SEE ME 2 – I MAGHI DEL CRIMINE

I Cavalieri, con i loro sensazionali (?) trucchi d’illusionismo, tornano dopo il discreto successo del primo capitolo con quasi il medesimo cast, arricchito però dall’ex Harry Potter Daniel Radcliffe. Rispetto al precedente, un’enorme macchina vendicativa tirata su e pianificata ossessivamente al dettaglio dal conte di Montecristo di turno, si cambia davvero poco. Qui i Montecristo sono più di uno...

ALICE ATTRAVERSO LO SPECCHIO

ALICE ATTRAVERSO LO SPECCHIO

A sei anni dal successo di Alice in Wonderland, tornano tutti: la combattiva Alice (Wasikowska: lontano dal personaggio ingenuo e petulante creato da Lewis Carroll), il cappellaio matto (Depp), la regina bianca (Hathaway), quella di cuori (Bonham Carter), gatti stregati e conigli sciroccati. Manca Tim Burton alla regia, che qui rimane in veste di produttore – non è dato sapere quanto present...

IL CACCIATORE E LA REGINA DI GHIACCIO

IL CACCIATORE E LA REGINA DI GHIACCIO

Sulla scia del successo di Biancaneve e il cacciatore, un prequel/spin-off all star che non si discosta molto dal suo progenitore. Con una probabile strizzata d’occhio a un inaspettato successo Disney di cui ancora si avverte il riverbero, Frozen (due sorelle di famiglia reale, un regno di ghiaccio), Il cacciatore e la regina di ghiaccio è in tutto e per tutto una favola dark ma non troppo, che me...

RACE – IL COLORE DELLA VITTORIA

RACE – IL COLORE DELLA VITTORIA

A 80 anni dalle sue mitiche gesta, Hollywood celebra Jesse Owens (Stephan James), stella afroamericana delle olimpiadi “naziste” a Berlino nel 1936. L’accuratezza storica sembra fondata nella messa in scena dell’enorme quantità di carne al fuoco (non solo gare, ma anche politica, questione razziale e drammi personali) in cui prevale l’idea del sano orgoglio personale, da privilegiare a discutibili...

FOREVER YOUNG

FOREVER YOUNG

Fausto Brizzi riprende la coralità di molte delle sue precedenti opere per ragionare sulla sindrome di Peter Pan di un gruppo di cinquantenni (Bentivoglio, Ferilli, Teocoli, Lillo e Ranieri) messi inesorabilmente a confronto con la mezza età. Come al solito la regia latita, ma gli attori sono in forma, e soprattutto non si ritrovano troppo spesso in bocca battute becere. Anche lo “scontro generazi...

TIRAMISÙ

TIRAMISÙ

Informatore scientifico sfigato fa carriera grazie al tiramisù paradisiaco della moglie(sic)! Questo, in soldoni, il primo (non) film da regista di Fabio de Luigi: un accumulo senza capo né coda di sketch conditi da gag becere, travestito da parabola sul costume piuttosto italiano della facile predisposizione al raggiro pur di arrivare, ma con immancabile redenzione finale. E nel marasma generale,...

PERFETTI SCONOSCIUTI

PERFETTI SCONOSCIUTI

Metti una sera a cena tre coppie in differenti fasi della loro relazione, un divorziato che forse ha ritrovato l’amore e un mucchio di cellulari. Non un film sulla deriva tecnologica da vaso di Pandora, bensì un kammerspiel all’italiana che giustifica le velleità poiché Genovese scrive e dirige con ritmo, ha un gruppo di attori di livello (con menzione speciale per il caustico Mastrandrea, specie ...

THE END OF THE TOUR

THE END OF THE TOUR

A partire dal libro intervista di David Lipsky sugli ultimi giorni del tour di promozione di Infinite Jest, capolavoro di David Foster Wallace, The End of the Tour si rivela un peculiare on the road lontano dall’agiografia, che crede fino in fondo nella pratica del dialogo e nell’arte dell’intervista come sintesi rivelatrice del rapporto intervistatore – intervistato. Da David a David dunque, con ...

THE PILLS – SEMPRE MEGLIO CHE LAVORARE

THE PILLS – SEMPRE MEGLIO CHE LAVORARE

Da Youtube al grande schermo, il trio romano capitanato da Luca Vecchi (davanti e dietro la macchina da presa) dà vita a una video-cosa dal sapore vagamente cinematografico, che fatica a tenersi in piedi e a farsi cinema, ammesso che ne abbia veramente l’intenzione. La loro essenza c’è tutta: “il fiero fancazzismo romano”, schernire certe pose della “Roma bene” (pseudo)hipster e gli ammiccamenti d...

PERFECT DAY

PERFECT DAY

Bonificare un pozzo di campagna sembra un’operazione non troppo complicata, tranne forse nel caso in cui ci si trovi al termine del conflitto che ha di fatto disgregato la ex Jugoslavia, non si disponga di una corda e l’agente contaminante sia il cadavere di un obeso. Semplice la storia: obiettivo, ostacoli, peripezie e fine. Non complesso il discorso: la quotidianità di un manipolo di eroi che so...

CHIAMATEMI FRANCESCO – IL PAPA DELLA GENTE

CHIAMATEMI FRANCESCO – IL PAPA DELLA GENTE

Non si è mai sazi di film sul papa, e non poteva mancare quello sull’attuale pontefice, il papa della gente e che lavora per la gente. Ci pensa Daniele Luchetti, supportato da uno sforzo produttivo non indifferente (si parla di 12 milioni di euro messi insieme da Mediaset tra Italia, Argentina e Germania), a raccontare la semplicità, i timori, i fallimenti e le conquiste argentine di Jorge Mario B...

REGRESSION

REGRESSION

“La beffa più grande che il diavolo abbia mai fatto è stato convincere il mondo che lui non esiste”. Un buon assunto di partenza che decade troppo in fretta in questo thriller “dormiente” in cui falsi indizi bardano programmaticamente un discorso più ampio che, se mai esiste, è oscuro e confuso. La rinuncia voluta (?) all’introspezione fa sì che i personaggi siano pure funzioni ideali: il detectiv...

PAN – VIAGGIO SULL’ISOLA CHE NON C’È

PAN – VIAGGIO SULL’ISOLA CHE NON C’È

Il dubbio che Joe Wright sia il regista delle trasposizioni innecessarie viene, a ben guardare quest’ennesima riproposizione dei personaggi creati da J.M. Barrie più di un secolo fa: un prequel/opera pop – i pirati che cantano canzoni di Nirvana e Ramones (sic) – che rapidamente affonda in un’arrancante sequela di scene d’azione e flashback in computer graphic. La sceneggiatura esile esile non ha ...

GLI ULTIMI SARANNO ULTIMI

GLI ULTIMI SARANNO ULTIMI

Il titolo non lascia scampo, così come il ritratto che Massimiliano Bruno, adattando un suo monologo teatrale, mette in scena dei suoi ultimi: la precaria incinta Luciana (Cortellesi), il poliziotto perseguitato dal fantasma di un collega ucciso (Bentivoglio) e il travestito discriminato Manuela. Il tessuto sociale, quasi proletario, della provincia laziale conservatrice e soffocante innesca in lo...

BELLI DI PAPÀ

BELLI DI PAPÀ

Come insegnare la cultura del lavoro a tre figli viziati e fannulloni (Pisani, Gioli e Di Raimondo)? Se lo chiede Vincenzo (Abatantuono), all’interno d’un intreccio che ha il vago sapore del Malato immaginario e che Guido Chiesa trae dal film messicano Nosotros los nobles, trasformandolo in un risaputo campionario di vizi della famiglia media occidentale: padri assenti sono costretti a beccarsi la...

IO CHE AMO SOLO TE

IO CHE AMO SOLO TE

Raccontando il matrimonio tra Damiano e Chiara (Scamarcio e Chiatti) e la passione proibita tra i rispettivi genitori (Placido e Calzone), Marco Ponti vuole mettere in scena un apologo sull’amore che si costruisce giorno per giorno, ma non sa che strada prendere e inciampa quasi subito. E così anche una festa di nozze non troppo scontata finisce per diventare un festival della sincerità quanto bas...

AMY

AMY

Già autore di Senna, Asif Kapadia racconta in Amy di come una ragazza londinese di origine ebrea sia diventata nel giro di pochi anni una star della musica Jazz-Pop a livello mondiale. Utilizzando immagini di repertorio (si parte con un footage privato di una festa di compleanno che ritrae la Winehouse ancora adolescente e si chiude con il suo funerale) il film mostra il punto di non ritorno del d...

FANTASTIC 4 – I FANTASTICI QUATTRO

FANTASTIC 4 – I FANTASTICI QUATTRO

Il reboot targato Josh Trank mostra di avere il fiato corto tanto quanto l’originale del 2005 diretto da Tim Story. Se da un lato ha il pregio di saper conservare lo spirito familiare dei Fantastici 4 del fumetto (amore, amicizia, ma anche tensioni e voltafaccia) e di evitare le noiose sequenze di allenamento concentrando l’azione in un unico scontro, dall’altro affronta tutto in maniera semplicis...

SOUTHPAW – L’ULTIMA SFIDA

SOUTHPAW – L’ULTIMA SFIDA

Va bene che la favola del riscatto sociale e personale attira sempre, ma resta difficile capire perché a Hollywood si producano ancora certi soggetti. Southpaw, presentato all’ultimo festival di Locarno, fa parte di quella lunga schiera di pellicole dell’ultimo decennio (da Cinderella Man a Warrior, passando per The Fighter, tutte e tre con qualcosa in più da dire rispetto a questa) che si affidan...

ANT-MAN

ANT-MAN

Ant-Man arriva al cinema come sorta di “sottoprodotto” dell’universo Avengers (più volte citati nel film) e si rivela interessante, ma soprattutto godibile. Costruito interamente sulla logica dell’eroe proletario, costretto a rubare perché povero, senza poteri particolari se non quelli che gli derivano dalla tecnologia e dalla sua intelligenza, il film propugna l’ideale tutto americano del diritto...

ENTOURAGE

ENTOURAGE

L’operazione Entourage – Il film va considerata più come la sostituzione del finale della serie (la cui visione va comunque presupposta, altrimenti ci si diverte una buona metà di meno), realizzato coi piedi nel 2011, più che come la sua continuazione – cosa che tecnicamente è. La quasi totale mancanza di storytelling cinematografico, che tendeva a soffocare lo spirito di precedenti opere tr...

ALOHA

ALOHA

Cameron Crowe non cambia il suo modo di fare cinema nemmeno questa volta e, dopo l’improbabile salvataggio di uno zoo, ripropone il collaudato intreccio da rom com in ambiente esotico. Questa volta siamo alle Hawaii e nell’ormai non più brillante calderone dei sentimenti finiscono anche intrighi militar-politici e necessità di conservare pura la propria terra d’origine (tema già trattato, e meglio...

HO UCCISO NAPOLEONE

HO UCCISO NAPOLEONE

Arrivismo, voglia di rivalsa, allergia alla famiglia, maternità. C’è un po’ di tutto questo nella seconda opera di Giorgia Farina: metà commedia femminista, metà noir, pochi e smarriti risultati. Si ride poco e male e, nonostante il ribaltamento dei ruoli a opera del personaggio interpretato da De Rienzo possa sorprendere lo spettatore già rassegnatosi a un happy end romantico, tutto appare in fin...

LATIN LOVER

LATIN LOVER

Riunitesi nella casa italiana del defunto divo Saverio Crispo (un po’ Gassman , un po’ Tognazzi, un po’ Mastroianni), del quale tutto si è già detto e scritto, le mogli e le figlie di questa famiglia “allargata” si trovano a chiedersi chi era in realtà loro padre/marito. Cristina Comencini vuole omaggiare il bel cinema italiano di un tempo, un cinema più grande della ...

SHAUN, VITA DA PECORA – IL FILM

SHAUN, VITA DA PECORA – IL FILM

L’ingegnosa pecorella Shaun, originariamente al centro di una serie televisiva nata come uno spin-off dei fortunati cortometraggi animati sulla coppia Wallace e Gromit, si trova alla guida di un dispettoso gregge, più in cerca di svago che di autodeterminazione, in missione per ritrovare il suo padrone. Sfruttando il meccanismo del pesce fuor d’acqua (ma non troppo) gli autori riescono a trasporre...

SELMA – LA STRADA PER LA LIBERTÀ

SELMA – LA STRADA PER LA LIBERTÀ

Mentre i poteri forti cercano di ingabbiare Martin Luther King e il suo movimento, lui sposta l’attenzione nella piccola cittadina di Selma, simbolo della lotta per i diritti politici dei cittadini afroamericani, un episodio forse poco conosciuto al grande pubblico. Nonostante riesca a evitare l’agiografia, il film dimentica troppo presto lo stile cronachistico iniziale – con i rapporti FBI a fare...

WHIPLASH

WHIPLASH

Se vuoi essere il nuovo Charlie Parker e raggiungere un’estatica perfezione musicale sei solo. Gli altri non faranno che rallentarti e trascinarti inevitabilmente nel baratro della mediocrità. La strada che si snoda verso l’immortalità richiede come pedaggio anche la tua stabilità mentale. Questo racconta Whiplash – film premiato al Sundance, grazie a un finale un po’ moraleggiante, ma con u...

GEMMA BOVERY

GEMMA BOVERY

L’annoiato Martin Joubert, ex editore a Parigi, gestisce insieme alla famiglia la panetteria paterna in Normandia, suo rifugio personale dalla mondanità ormai da sette anni. L’equilibrio viene rotto quando si rende spettatore interessato della turbolenta vita sentimentale della neo vicina inglese – la Gemma Bovery del titolo – didascalica incarnazione dell’eroina creata da Flaubert, ossessio...