Sign In

Lost Password

Sign In

Westworld foto2

Se qualche anno fa mi avessero detto che avrebbero fatto un remake del Mondo dei Robot (1973), che sarebbe stato una serie televisiva e che sarebbe stata un’ottima serie… Be’…
Non ci avrei creduto.
La pioggia di orrendi sequel, remake e reboot che Hollywood continua a sfornare a raffica, non faceva sperare nulla di buono… E invece mi sbagliavo.
Ancora una volta, le serie tv sono riuscite in qualcosa che avrebbe dovuto, “per diritto”, essere la specialità di Hollywood.

Il Mondo dei Robot del 1973 è uno dei classici fondamentali della fantascienza.
Tratto da un romanzo di Michael Crichton, fu un enorme successo di pubblico e critica, e stiamo parlando di un film che ispirò, tra gli altri, perfino James Cameron, quando creò il suo Terminator il quale, tanto per raccontarne una, altro non è che un plagio del personaggio interpretato da Yul Brynner nell’originale del ’73.

Quarant’anni dopo Il Mondo dei Robot, mentre a Hollywood imperversa la moda dei remake che fanno rimpiangere gli originali, arriva in televisione questo nuovo Westworld, prodotto dalla HBO e udite, udite…
Non si possono fare paragoni, naturalmente, perché la trama è molto diversa… Eppure per certi versi, si potrebbe perfino dire che è meglio dell’originale.
E, giustamente, Westworld diventa una delle serie di maggior successo del 2016, arrivando a battere perfino lo share realizzato, all’epoca, dalla prima stagione del Trono di Spade (sempre HBO).

Westworld è un parco giochi gigante e decisamente per adulti, a tema western. E’ gigante perché per esplorarlo tutto ci vogliono giorni a cavallo, e per adulti perché gran parte delle attrazioni, in realtà, sono violentissime o sessuali.
Il pezzo forte del parco sono infatti i replicanti, delle macchine assolutamente perfette, simili in tutto e per tutto a persone reali, alle quali i turisti possono fare dunque qualunque cosa, tra cui soprattutto sparare (siamo nel vecchio West, no?). Poi, ovviamente, gran parte del turismo verso Westworld è soprattutto di natura sessuale, visto che le replicanti femmine sono bellissime e sempre disponibilissime. Da questo antefatto in poi, la trama segue l’originale di Crichton solo in minima parte, per lasciarsi invece andare verso i temi tanto cari a Philip Dick, ovvero: cosa prova un androide dentro di sé, quando arriva a un tale livello di complessità interiore da diventare più umano di un vero umano?
E fin qui non ci sarebbe nemmeno nulla di tanto innovativo, se non fosse che la pioggia di idee nella trama di questo Westworld e la passione per i personaggi con cui tali idee vengono narrate, lascia senza fiato. Non solo Westworld riesce a dire allo spettatore qualcosa di nuovo sul tema dei replicanti, ma lo fa attraverso personaggi di una umanità inaudita a dir poco, e con cui non empatizzare è praticamente impossibile.
Westworld è dunque estremamente coinvolgente, toccante, ricca di sentimenti e riesce a raccontarli tutti alla perfezione, inquadrandoli in un contesto filosofico/fantascientifico che non scricchiola (quasi) mai. Okay. Qualche piccolo dettaglio ogni tanto non resiste a qualche ragionamento in più sulla logica della trama, ma stiamo parlando di piccole cose.
Non voglio anticiparvi nulla, ma dopo i misteri delle prime puntate la prima stagione di Westworld ha un finale fantastico, che ripaga in pieno tutto il tempo passato a guardare tutta la stagione.

In Westworld recitano due mostri sacri di Hollywood: Ed Harris e Anthony Hopkins, entrambi perfettamente a loro agio in ruoli tutto sommato classici per le loro carriere. Anche per questo, forse, le vere star di Westworld sono in realtà i suoi tre più giovani protagonisti, prima fra tutti Evan Rachel Wood, attrice di grandissima umanità e dal viso angelico, in grado di mettere lo spettatore terribilmente a disagio alla sola idea di cosa potrebbe aspettarla dentro quel maledetto parco, dal momento che è una replicante. Oppure Thandie Newton, veterana di Hollywood che in questa serie, probabilmente, dà la sua migliore performance di sempre. E infine Jimmi Simpson (House of Cards), attore il cui nome non vi dirà nulla, ma riconoscerete appena apparirà sullo schermo e che stavolta lascia finalmente davvero il segno, perché il suo ruolo è davvero importante e lui, come sempre, lo regge più che bene.

Westworld è una serie televisiva decisamente fuori dal comune, molto cupa e violenta e soprattutto di fantascienza “classica”, consigliata quindi principalmente agli amanti di Philip Dick e del Matrix dei fratelli (ora sorelle) Wachowski.

voto_4

Wallace Lee
Wallace Lee è uno scrittore ed editorialista di cultura per vari siti e riviste. E' noto principalmente come l'autore di Rambo Year One, romanzo-prequel non ufficiale del primo film. Pur essendo solo un ebook gratuito per motivi di copyright, Rambo Year One è arrivato in finale a due premi letterari ed è stato elogiato da personaggi del calibro di Lindsay Johns, noto giornalista inglese di cultura per la BBC.