Sign In

Lost Password

Sign In

Davide Vincenti

Davide Vincenti

Campano, studia al DAMS di Roma Tre. Ha un blog personale chiamato A Touch of Cinema, col nome Waxxone (si legge uacsuàn), ha pubblicato su bandcamp un disco chiamato "La Triste Periferia". Crede ancora nella critica come intermediaria tra il cinema e gli spettatori, pluralità di punti di vista e approfondimento. Ama il cinema, ma non sa se definirsi cinefilo. Tra i suoi film preferiti: La Dolce Vita, Sentieri Selvaggi, Ostia, La Strada della Vergogna e Tristana. Dal cinema ha ancora tanto da imparare: per ora prende appunti. Diffida dei cult, degli autoesegeti e delle prose pompose.

UNSANE

UNSANE

E’ da tempo che i teorici dell’immagine si interrogano sulla bassa fedeltà e il suo rapporto coi media: se prima era patrimonio esclusivo delle gallerie d’arte, all’inizio del nostro secolo c’è stata l’esplosione degli horror girati in POV (costi ristrettissimi e incassi eccezionali) e, come sempre, le pratiche basse preparano il terreno al cinema alto (difatti,...

LA TERRA DELL’ABBASTANZA

LA TERRA DELL’ABBASTANZA

Presentato a febbraio al Festival di Berlino, La terra dell’abbastanza viene distribuito, da noi, solo a giugno: chi lo andrà a vedere? nonostante una buona accoglienza da parte della critica, forse pochi, ed è un vero peccato. Perché l’esordio dei fratelli D’Innocenzo sa bilanciare da un lato lo sguardo sulla criminalità nella periferia romana, collocandosi in un proficuo filone...

DOPPIO AMORE

DOPPIO AMORE

La filmografia di Ozon è sintomatica di cosa significhi essere autore alla fine della cosiddetta era postmoderna: vampirizzare autori del passato per costruirsi una riconoscibilità basata sull’uso di determinati segni e tematiche pre-esistenti. A titolo esemplificativo, si può notare come Ozon attinga dal Gotha degli autori (più o meno) rivalutati dalla nuova cinefilia, quelli che spesso il ...

QUELLO CHE NON SO DI LEI

QUELLO CHE NON SO DI LEI

Eva contro Eva meets Personal Shopper. Così si potrebbe riassumere l’ultimo film di Roman Polanski, da un romanzo del genere auto-fiction scritto da Delphine de Vigan: anche se nell’ambito di un discorso strettamente autoriale sembra un’opera più legata al suo sceneggiatore Olivier Assayas. Non facilita la riuscita dell’opera il fatto di affrontare un tema già sviscerato in...

THE DISASTER ARTIST

THE DISASTER ARTIST

Ogni generazione ha il regista-freak che si merita (da Tanio Boccia a Ed Wood), solo che oggi certe opere rimangono nella memoria collettiva “più del film che ha vinto l’Oscar dieci anni fa”. Fa uno strano effetto scoprire che gli stessi sceneggiatori di Colpa delle stelle e Città di carta, nonché un regista che ha sempre cercato quarti di nobiltà in Steinbeck, McCarthy e Faulkne...

L’INCREDIBILE VITA DI NORMAN

L’INCREDIBILE VITA DI NORMAN

Raggiunta la maturità, negli ultimi anni Richard Gere sembra scegliere esclusivamente progetti cinematografici a basso profilo, per aiutare registi sfortunati (è il caso di La Frode) o indipendenti (Gli invisibili). Nel primo film statunitense dell’israeliano Joseph Cedar (autore di Beaufort e Footnote, inediti in Italia) interpreta Norman Oppenheimer, personaggio inafferrabile eppure ben de...

FREE FIRE

FREE FIRE

Se l’ultimo film di Noah Baumbach ci restituisce un regista fedele al suo passato e ai suoi temi portanti, il discorso è diverso per l’ultima opera di Ben Wheatley. Mette i brividi pensare che Free Fire sia diretto dallo stesso regista di Kill List, comunque non il primo caso di normalizzazione da parte degli Studios dell’indipendente sbarcato a Hollywood (produttore esecutivo Ma...

THE MEYEROWITZ STORIES (NEW AND SELECTED)

THE MEYEROWITZ STORIES (NEW AND SELECTED)

Ogni regista elevato al rango di “autore” instaura un preciso orizzonte di attesa all’uscita di ogni suo nuovo film. Superamento all’interno dei propri temi consolidati o arretramento? Ci troviamo di fronte a casi antitetici con questo film di Noah Baumbach e l’ultimo di Ben Wheatley, Free Fire. The Meyerowitz Stories (New and Selected), opera ultima di Baumbach uscit...

CANE MANGIA CANE

CANE MANGIA CANE

Tre gangster progettano di effettuare, una volta usciti di galera, il loro ultimo colpo prima di ritirarsi: ma nulla andrà per il verso giusto. Che Paul Schrader non sia alieno dal fare esperimenti bizzarri lo si sapeva da tempo (qualcuno si ricorda Witch Hunt?). Dopo l’impari The Canyons, il Nostro già non dava buoni segni, e gira questa volta una controparte ironica del serioso e orribile ...

L’INFANZIA DI UN CAPO

L’INFANZIA DI UN CAPO

Dalla creazione, nel 1919, alla firma del trattato di Versailles, per narrare, in tre capitoli, della genesi del fascismo e di un delirio di onnipotenza. Alla sua opera prima, Brady Corbet si ispira a John Fowles e a un racconto di Sartre (da cui il film prende il nome), dimostra di possedere una personale cifra stilistica piuttosto eclettica, dirigendo tutt’altro che il solito film midcult ...

THE DINNER

THE DINNER

Da un romanzo di Herman Koch, la storia della cena-pretesto di due famiglie, appartenenti a due classi sociali diverse, che devono far di tutto per non far scoppiare lo scandalo intorno ai figli (che hanno ucciso un barbone), viene trasposta sullo schermo per la terza volta (dopo un film olandese e l’italiano I nostri ragazzi). Moverman ha dimostrato in passato di essere uno dei pochi indipe...

LE DONNE E IL DESIDERIO

LE DONNE E IL DESIDERIO

La Polonia del 1990 nel segno del cambiamento, dopo la vittoria della democrazia, servirebbe da sfondo e metafora per le storie di quattro donne che vogliono scappare dalla solita routine fredda e asettica. Il giovane regista Tomasz Wasilewski, già etichettato da qualcuno come il Dolan polacco, riesce a fare molto peggio del canadese. Non bastano un’orrida fotografia (truccata al computer) a...

LIBERE DISOBBEDIENTI INNAMORATE – IN BETWEEN

LIBERE DISOBBEDIENTI INNAMORATE – IN BETWEEN

Una legge non scritta della distribuzione italiana prevede l’uscita di qualche film medio-orientale “leggero” (ovvero, midcult) come tappabuchi impegnato-ma-non-troppo (possibilmente diretto da una donna). Le vicende di tre ragazze a Tel Aviv (un’avvocatessa sbandata, una dj lesbica e una timida con il fidanzato fondamentalista) hanno tutte le carte in regola per soddisfare...

LA TENEREZZA

LA TENEREZZA

A Napoli un uomo anziano simpatizza con i suoi nuovi vicini del Nord (Micaela Ramazzotti e Elio Germano) e tenta di evitare i figli. Forse nella coppia e nei suoi figli sogna la famiglia che vorrebbe (ri)avere. Tratto da un romanzo di Lorenzo Marone, nonostante lungaggini di sceneggiatura e qualche battuta che non avremmo voluto sentire, l’ultimo film di Amelio mette al centro di tutto i sen...

VIRGIN MOUNTAIN

VIRGIN MOUNTAIN

Il quarantenne Fúsi (Gunnar Jónsson) vive una triste routine divisa tra lavoro, bullismo e hobby infantili. La conoscenza di Sfojn (Ilmur Kristjánsdóttir) incrinerà le sue certezze, lo aiuterà a crescere e a compiere delle scelte, pur non permettendogli di uscire da una solitudine di natura esistenziale. Il quarto film del regista di Nói Albínói è abile nel descrivere l’impossibilità di esse...

VICTORIA

VICTORIA

Un unico piano sequenza (senza trucchi di montaggio) di 130 minuti ci narra la notte a Berlino della straniera Victoria (Laia Costa) con quattro sconosciuti che non promettono nulla di buono: e infatti la prima parte sembra quasi funzionare, nonostante qualche lungaggine. Ma a un’ora dall’inizio si trasforma in un film di genere ed è sempre più difficile sospendere l’incredulità,...

IL PERMESSO – 48 ORE FUORI

IL PERMESSO – 48 ORE FUORI

Quattro carcerati di diversa estrazione sociale escono per 48 ore di galera con un permesso: chi per regolare conti in sospeso, chi per fare i conti col proprio passato, le loro vite prenderanno strade inaspettate. L’opera seconda di Claudio Amendola come regista, da un soggetto di Giancarlo De Cataldo, possiede la giusta empatia verso i suoi personaggi mettendoli al centro della narrazione....

IL PADRE D’ITALIA

IL PADRE D’ITALIA

L’omosessuale Paolo (Luca Marinelli) soccorre in discoteca la sbandata Mia (Isabella Ragonese) solo per scoprire che aspetta un bambino da padre ignoto. Seguirà un viaggio solo andata, lungo quanto il film, dal Piemonte al profondo Sud. Da Amelio (Il ladro di Bambini) a Virzì (La pazza gioia), sembra che per narrare grandi temi la miglior scelta sia il road movie, in modo tale da toccare (ne...

LA LUCE SUGLI OCEANI

LA LUCE SUGLI OCEANI

Negli anni Dieci dello scorso secolo, Tom Sherbourne (Michael Fassbender) si trasferisce su un’isola in cerca di tranquillità. Si sposa con Isabel (Alicia Vikander) che non riesce a portare a termine due gravidanze. Ma dal mare una barca porta loro un neonato: denunciarlo o accudirlo come proprio? La sceneggiatura firmata dal regista (tratta da un romanzo di M.L. Stedman) suggerisce purtropp...

BARRIERE

BARRIERE

Barriere racconta la storia di un padre di famiglia, Troy Maxson, nella Pittsburgh degli anni 50: ex giocatore di baseball ora netturbino, in crisi nel rapporto con sua moglie (per via di un adulterio) e con suo figlio, che vorrebbe diventare un giocatore anche lui. Si ritrova l’empatia con gli strati più umili della società (incarnati dal fratello Gabe, mutilato di guerra, e dall’ubri...

MOONLIGHT

MOONLIGHT

Con un cast all-black, il film narra le tre fasi cruciali della vita di Chiron: infanzia, adolescenza, età adulta. La ricerca di sé stesso da parte del protagonista è il centro intorno al quale si dipanano i molti temi messi in campo, principalmente la droga, il bullismo e l’omosessualità. Cinema nero adulto che sa a chi attribuire le colpe degli eventi mostrati, dandole tanto all’ambi...

IL MEDICO DI CAMPAGNA

IL MEDICO DI CAMPAGNA

Nella provincia francese, il medico generico Jean-Pierre (François Cluzet, che è passato da Chabrol a Quasi Amici) è amato da tutti. Quando scopre di avere una grave malattia, gli viene affiancata la fascinosa Nathalie (Marianne Denicourt). Per gli abitanti del paese avere a che fare con la nuova collega non sarà semplice, ma lei farà di tutto pur di farsi accettare. Cinema tipicamente francese ne...

AQUARIUS

AQUARIUS

Clara vive in un complesso condominiale chiamato Aquarius: viene continuamente invitata ad andare via, ma farà di tutto per rimanere. 145 minuti di durata e la divisione in capitoli segnalano un’ambizione romanzesca ma, nonostante gli intenti sinceri, il film gira spesso a vuoto con il suo rischioso tentativo di racchiudere passato e futuro di un intero paese nel ritratto di una donna. Tutto...

PAY THE GHOST

PAY THE GHOST

Nicolas Cage, con la media di 4 film all’anno da protagonista, quasi tutti maldestri e interscambiabili, sembra un vero e proprio genere a sé, e ben codificato. Con questo Pay the Ghost non siamo ai livelli deliranti di Left Behind, ma l’avesse diretto Schrader (Il nemico invisibile) per qualcuno magari sarebbe anche un cult. Qui Cage in soli 10 minuti recita Goethe, si veste da cowboy...

MIKE & DAVE – UN MATRIMONIO DA SBALLO

MIKE & DAVE – UN MATRIMONIO DA SBALLO

Terza commedia (dopo Nonno Scatenato e Cattivi Vicini 2) per Zac Efron nel solo 2016. Al di là delle (tante) volgarità gratuite, il dato più agghiacciante in questa teen-comedy, è la descrizione delle due co-protagoniste da parte degli sceneggiatori (ovviamente maschi): decerebrate represse le cui uniche battute ruotano intorno al sesso (con notevole insistenza sulla parola “cazzo” e l...

GO WITH ME

GO WITH ME

Colossale flop negli Stati Uniti e da noi, la combinazione “thriller + attori (più o meno) noti + ambientazione che ci si aspetta da un regista scandinavo in trasferta”, sembra un modesto tappabuchi. Lester (Anthony Hopkins) e il giovane balbuziente Nate (Alexander Ludwig), nella solita cittadina fredda e rurale piena di anziani, si appassionano alle vicissitudini della bionda Lilian (...

INDIVISIBILI

INDIVISIBILI

Dopo il grottesco Mozzarella Stories e il noir iperstilizzato Perez., Edoardo De Angelis racconta la storia di Dasy e Viola, due gemelle siamesi sfruttate da chiunque: ma una delle due vede nella loro separazione la rottura da questa condizione genetica-esistenziale. Allegoria efficace della purezza e di una provincia che ormai mercifica tutto ciò che ha perso (dalla fede ai sentimenti) con le tri...

DEMOLITION – AMARE E VIVERE

DEMOLITION – AMARE E VIVERE

Davis (Jake Gyllenhaal) perde la moglie Julia (Heather Lind) in un incidente d’auto. Tenterà di sublimare la sua repressione in vari modi, dallo sfasciare case allo scrivere lettere all’ufficio reclami di una ditta di distributori automatici. Ma grazie a queste lettere stringerà un’importante amicizia. Un film fatto per non piacere a nessuno. Jean-Marc Vallée si compiace del suo ...

SOLE ALTO

SOLE ALTO

Come in Al di là delle montagne, tre anni e tre storie diverse per raccontare un paese che cambia, ma qui c’è una guerra sullo sfondo. I personaggi non sono gli stessi, ma gli attori sì: forse per dirci che i nostri sentimenti sono vittime della Storia che, con i suoi conflitti, la sceneggiatura fa rientrare nelle vite dei protagonisti attraverso dettagli non sempre microscopici. Sole Alto p...